Quante “ragazze” per Vettel

Sebastian Vettel. L'ultima fiamma lo ha subito tradito - Fotografia Mirco Lazzari

Nel 2008, ai tempi in cui vinse a Monza con la Scuderia Toro Rosso, Sebastian Vettel stava con Julie. Passato alla Red Bull Racing, lo scorso anno, si mise subito con Kate. La loro fu una passione probabilmente intensa, ma di corta durata. Dopo una brutta botta in Australia, il tedeschino la sostituì senza troppi rimpianti con la ‘sorella’, Kate’s Dirty Sister.

Quest’anno, ha cominciato la stagione con Luscious Liz, ma da questo fine settimana, in Turchia, accarezza con lo sguardo e con le mani Randy Mandy.

La sua volubilità gli era valsa anche una curiosa ed interessata intervista -sullo schieramento di partenza del GP di Cina, pochi minuti prima del via- da parte dell’ex-collega, ed oggi reporter della BBC, David Coulthard, uno che in fatto di certi cambi in corsa se ne intende almeno quanto di staccate al limite e sottosterzo.

Bando agli equivoci : tutti questi nomi di ragazze non corrispondono affatto ad una certa volubilità sentimentale di Vettel, bensì al suo modo tutto personale di battezzare ognuna delle sue vetture di F1. Ad ogni telaio associa un nome di donna.

L’ultima della serie è appunto Randy Mandy, visto che dopo aver scoperto un problema di base su Luscious (Succulente) Liz, ovvero la RB6 che Vettel aveva usato dall’inizio della stagione, la Red Bull Racing ha, come potete leggere in un altro post, deciso di dotare il tedesco di una nuova vettura da questa gara.

Sarà forse perché Vettel ha ragione, e cioé che le monoposto di F1 sono realmente di genere femminile, o semplicemente perché Randy Mandy è ancora in tenera età. Fatto sta che ha cominciato coi… capricci. Sicuramente per farsi poi coccolare.

A proposito, la vera ragazza di Sebastian si chiama Hanna, ma contrariamente alle varie Julie, Kate e sorella, Liz o Randy Mandy non accompagna quasi mai il tedesco ai circuiti. Perché?

“La pista è il mio ‘ufficio’. Conoscete molti impiegati che vanno ogni mattina in ufficio portandosi dietro la ragazza o la moglie?” risponde l’interessato senza esitazioni.

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Costume, Piloti. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...