La Red Bull “Randy Mandy” s’è già rotta

Fotografia MIRCO LAZZARI

Ufficialmente la Red Bull Racing ha sostituito il telaio della vettura di Vettel dopo aver scoperto un problema sulla monoposto precedentemente utilizzata dal tedesco, che nelle ultime due gare non era stato in grado di reggere il passo del compagno di squadra Webber. Le due cose non sono, forse, scollegate e la scelta della RBR è probabilmente stata dettata non solo da ragioni tecniche ma anche psicologiche. Perché preferiscono prevenire piuttosto che guarire.

Sono, per ora, la squadra più forte, con due piloti pari merito in vetta alla classifica mondiale alla vigilia del GP della Turchia. Inevitabilmente tra di loro è lotta leale ma intensa per la supremazia in squadra e nel mondiale. Gli ultimi GP, però, hanno mostrato tanto in qualifica quanto in gara che l’uomo veramente in forma del momento è Mark Webber, che in una settimana ha vinto due corse e si è di nuovo qualificato in pole position (per la terza volta consecutiva e la settima di fila per la RBR !) anche ad Istanbul.

In certi casi, è naturale che il compagno di squadra vada un po’ in crisi e che cominci a mettere in questione se stesso, ma non solo, anche la squadra e la macchina. Se il dubbio s’installa può esser pericoloso in termini di serenità e quindi di rendimento. Fornirgli una nuova monoposto è stato un modo per cancellare ogni eventuale idea cupa dalla sua mente.

Non per niente, Seb non ha potuto nascondere, anche pubblicamente, la sua felicità per questa nuova vettura, che giovedì mattina ha deciso di battezzare Randy Mandy. “Il nome è piaciuto subito a tutti e credo che sia un buon segno”, ha detto il diretto interessato, già certo in cuor suo che dopo diversi guai d’affidabilità patiti con Luscious (a dire il vero soprattutto Capricious) Liz, avrebbe stabilito immediatamente un totale affiatamento con la nuova arrivata.

Vedremo domenica in gara, ma in qualifica non c’è stata proprio una perfetta sintonia tra i due nuovi amanti. Sembravano già fatti l’uno per l’altra, nella Q1 e nella Q3… Poi, qualcosa s’è inceppato nella loro relazione ed in Q3, Vettel ha avuto problemi di bloccaggio in frenata della ruota anteriore sinistra.

Problemi derivanti -ha poi scoperto la squadra, in serata- dal cedimento di uno snodo di collegamento della barra anti-rollio. “Non c’era più controllo del rollio –ha spiegato il Capo squadra Christian Horner- e così nelle curve la macchina caricando la ruota esterna si corica eccessivamente ed alza quella interna, che ovviamente a quel punto si blocca non appena il pilota frena”.

Per via della regola del parco chiuso, Randy Mandy non potrà essere riparata prima di domenica mattina. Poi farà la brava?

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Piloti, Squadre, Tecnica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...