McLaren : vittoria dell’esperienza

Fotografia MIRCOLAZZARI

La McLaren è in testa a tutto ed è anche merito dell’esperienza acquisita in tanti anni di lotta al vertice. Ha vinto le ultime due gare anche grazie all’abitudine, affinata negli anni, della gestione di tutti i parametri e di tutto quello che può fare la differenza quando ci si scontra coi migliori. La Red Bull Racing è una squadra ancora relativamente giovane, perché costituita (sulle ceneri dell’ex-Jaguar) nel 2005. E’ cresciuta tantissimo e molto velocemente, compiendo, lo scorso anno, un balzo clamoroso nel livello prestazionale. Si è plasmata attorno al genio del boss tecnico Adrian Newey ed alla gioventù e freschezza d’idee del Capo squadra, Christian Horner. Bisogna render loro onore per il gran lavoro compiuto, ma inevitabilmente, ogni tanto, la squadra paga ancora lo scotto della sua inesperienza e non abitudine a gestire situazioni così complesse e patate così bollenti, come solo la lotta al vertice sa distribuire. Ad Istanbul c’era stata la disputa interna tra i due piloti, costosissima in termini di punti, come a Milton Keynes misurano sicuramente in modo ancor più chiaro e netto dopo la seconda doppietta consecutiva conquistata dalla McLaren a Montréal. In Canada la squadra si è forse lasciata prender la mano dal panico per il degrado delle gomme Super Soft, sacrificando volontariamente una prima fila chiaramente alla sua portata. Hanno preferito puntare tutto sulla gara, convinti che partire con le gomme Medie avrebbe permesso di sbaragliare la concorrenza, salvo un eventuale ingresso della Safety Car. Invece per una volta non c’è stata neutralizzazione, ma la tattica ha fatto comunque un buco nell’acqua. I calcoli teorici sul comportamento degli pneumatici sono andati a ramengo nella pratica della gara. Su una pista riscaldata da un sole più caldo dei giorni precedenti e su una pista più gommata, sono cambiati i parametri e soprattutto si sono ridotte le differenze di comportamento tra i due tipi di gomme. Il degrado ed il graining ci sono stati, ma per tutti gli pneumatici ed alla fine Vettel e Webber si sono dovuti accontentare dei primi due posti sotto il podio (4° e 5°). Hanno raccolto molti punti, comunque utili, ma loro e la squadra hanno comunque incassato uno smacco. Tutto fa brodo ed anche questo fa… esperienza.

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Politica, Squadre. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...