La Bridgestone promette spettacolo ad Hockenhem

Tutte tonde e nere, ma profondamente diverse... Show in programma per Hochenheim - Fotografia MIRCO LAZZARI

Ad Hockenheim ci divertiremo : non perdetevi, quindi, il prossimo GP di Germania! A dirlo non sono io, ma è sostanzialmente la Bridgestone che ha comunicato la lista delle dotazioni di gomme per le prossime sette gare, a cominciare dal GP d’Europa per il quale, in vero, la scelta era già nota.

Tra tante scelte ‘attese’, non manca una clamorosa sorpresa : proprio quella effettuata per il circuito tedesco, perché proporrà due estremi della gamma, ovvero la mescola più dura (Hard) associata alla più tenera (SuperSoft). Un’accoppiata ‘rischiosa’, molto difficile da tentare, ma che, all’indomani del successo di spettacolo che è stato il GP del Canada, si preannuncia accattivante e capace di creare le condizioni per un migliore show.

A Montréal, ci si è trovati incidentalmente -anche in seguito al cambiamento di condizioni dovuto al nuovo asfalto- con un grande divario tra i due tipi di gomme e problemi tecnico-strategici nella loro gestione, nonostante la Bridgestone avesse proposto un solo scatto nella sua gamma (con le SuperSoft e le Medie). Il risultato è stato una gara molto incerta e spettacolare, ricca di sorpassi e d’errori, pure tattici. In quel caso hanno pesantemente influito, ovviamente, anche le particolari caratteristiche del circuito, ma la Bridgestone –dopo aver in un primo tempo tremato in Canada- vuole ora riprovarci ricreando ‘artificialmente’ condizioni simili e dando così ragione ai capi squadra che, da un anno, chiedono più divario nel rendimento delle gomme in dotazione, proprio per aumentare l’incertezza e la spettacolarità delle gare. Una richiesta che le squadre fanno ben sapendo che null’altro fattore tecnico può incidere più radicalmente degli pneumatici sulle prestazioni di una macchina da corsa e, quindi, sulle possibilità di avere sorpassi in pista.

“Le caratteristiche del circuito di Hockenheim ci consentono di scegliere le mescole ai due estremi di durezza”, ha spiegato Hirohide Hamashima, Capo del programma Motorsport della Bridgestone, che ha anche confermato come questa scelta fornirà risposte interessanti “per coloro che hanno chiesto una più grande differenzazione tra i due tipi di gomme forniti”.

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Circuiti, Tecnica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...