Kovalainen forzato dell’autostrada per colpa dello sciopero…

Dopo il vulcano islandese… ci mancava solo lo sciopero dei controllori aerei francesi tra le tante avversità extra-sportive che hanno, a quanto pare, deciso d’infastidire la F1 quest’anno.

Giovedì, lo sciopero generale in Francia, per protestare contro l’innalzamento dell’età minima per la pensione (da 60 a 62 anni) ha ovviamente colpito anche i controllori aerei, col risultato di far cancellare quasi tutti i voli il cui piano volo prevedeva di sorvolare lo spazio aereo transalpino. Immancabilmente, questo ha riguardato molti voli verso Valencia. Sull’orlo della disperazione, il collega ed amico Roberto Chinchero ed il fotografo Paolo Pellegrini hanno optato per lasciare Milano in auto e ‘spararsi’ un viaggio da tregenda fino a Valencia. Avviandosi, erano straconvinti d’essere i soli “matti” ad aver fatto una tale scelta. Grande è stata la loro sorpresa quando, fermandosi lungo il viaggio in un autogrill francese, si sono imbattuti in… Heikki Kovalainen che aveva fatto la loro stessa scelta forzata, partendo in auto dalla Svizzera, dove risiede. 1200 km al volante per arrivare a sera tarda alla vigilia delle prime prove di un GP. Non proprio l’ideale per il pilota finlandese della Lotus. Tra gli altri VIP in ritardo, anche se non altrettanto, a causa dello sciopero, c’erano Ross Brawn ed anche Michael Schumacher.

Tutto bene, comunque, quel che finisce bene e del resto nessuno è stato veramente stupito dell’accaduto. Lo sciopero (che in francese si dice “grève”) è lo sport più popolare in Francia, tanto che recentemente persino la loro ormai ridicola nazionale di calcio s’è messa in sciopero d’allenamento alla vigilia della loro ultima partita della Coppa del mondo, contro il Sudafrica.

Del resto, a Londra, dove hanno dedicato una scultura rappresentativa per ognuna delle nazioni dell’Europa comune, la Francia è proprio rappresentata con un esagono (la forma dei confini dello stato francse) bardato di uno striscione “Grève”. Sentendosi presi in giro dagli odiati inglesi, pare che i francesi abbiano deciso, in segno di protesta, di… scioperare.

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Costume, Piloti. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...