Cartellino giallo per la F1?

Il gesto di sprezzo dei regolamenti compiuto da Hamilton a Valencia non è di certo un bell’esempio di sportività. Si tratta, inoltre, della seconda infrazione dell’inglese in due gare (dopo quella, tutto sommato veniale, commessa in qualifica a Montréal) ed un atteggiamento in pista sempre al limite delle righe, che ogni tanto oltrepassa. Ecclestone, tempo fa, aveva suggerito d’instaurare in F1 un sistema di cartellini gialli e rossi come nel calcio. Lo avevano  preso per matto, ma a pensarci bene forse non ha tutti i torti. Che ne dite?  Altrimenti, visto che il drive through a Valencia si è rivelato, nella pratica, una sanzione inefficace per Hamilton, c’è il rischio che i piloti si considerino autorizzati di fatto a riprovarci se si dovesse ripresentare l’occasione. Se la pnealità fosse stata accompagnata da un bel cartellino giallo, l’inglese avrebbe bene in mente che un altro errore potrebbe portare alla squalifica per un GP. A me non pare un’idea peregrina, a patto di nominare un collegio arbitrale coi fiocchi.

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Costume, Piloti. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Cartellino giallo per la F1?

  1. liongalahad ha detto:

    Bombara, vorrei sottolineare che quello di Hamilton non è stato assolutamente disprezzo per le regole, nè un gesto antisportivo. Ha solo tardato troppo ad accelerare e al momento del taglio della SC line si è trovato indietro rispetto alla safety car di 3 miseri metri. Aveva tutto il diritto di stare davanti alla SC finchè essa si trovava in corsia box, prima della SC line… L’inglese ha titubato perchè non si aspettava di trovarsi la SC davanti (infatti avrebbe dovuto uscire di fronte a Vettel) e ha perso l’attimo, poi quando ha pigiato, giustamente, l’acceleratore, si è trovato fregato per soli 3 metri.

    Quindi non me la sentirei assolutamente di puntare il dito su Hamilton, che ha fatto una manovra che fondamentalmente aveva il diritto di fare, ma che è stata viziata da un suo errore di valutazione (che avrebbe potuto costargli la gara se non fosse stato per kobayashi) : egli infatti avrebbe dovuto cominciare ad accelerare e compiere il sorpasso prima, e in questo modo non avrebbe violato nessunissima regola.

    L’idea dei cartellini non sarebbe da escludere, ma a quali sanzioni si applicherebbe? A tutte? Da una manovra pericolosa, al semplice superamente di velocità in corsia box? difficile…. io non andrei a complicare ancora il già difficile sistema.

    Per me quest’anno la federazione sta facendo un ottimo lavoro, non c’è più quel clima da caccia alle streghe (si ricorda lei le scandalose penalità inflitte a Hamilton a Spa e al Fuji nel 2008, che gli stavano costando il, secondo me, meritatissimo titolo?) e i piloti possono esprimersi senza la paura di assurde decisioni dei commissari… In quest’ottica, per me l’idea di quest’anno di affiancare ai commissari anche un pilota, che conosce e sa valutare perfettamente le dinamiche di gara, è veramente eccellente. Lei che ne pensa?

    • Paolo Bombara ha detto:

      Che ne penso dell’operato della FIA quest’anno ?Beh credo che –polemiche di Valencia a parte- stia operando molto bene. Tutto è sempre perfettibile, ma la gestione è sicuramente migliore che in un recente passato ed a mio parere ne è cosciente anche Montezemolo, nonostante gli attacchi in tono da “J’accuse!” di Emile Zola.

      Rimando a quanto avevo scritto nel post

      …e si deve anche velocizzare il sistema
      Jean Todt ha già mostrato la chiara volontà di voler migliorare la gestione dei problemi sportivi, con l’adozione ad esempio di un ‘ex’ pilota esperto come consulente al collegio. Sono certo che regolerà anche il problema della velocità di reazione

      Per quanto concerne il comportamento di Hamilton rimando invece ad un altro post di cui allego una frase qui sotto. In ogni caso, credo d’aver già lasciato intendere che non ritengo che l’inglese vada stigmatizzato oltre misura per quanto ha fatto a Valencia, ma neanche lo scagiono del tutto. E’ vero che si è lasciato un po’ confondere le idee e che, rallentando, si è messo da solo in difficoltà per pochi metri… ma a mio parere ha anche, poi, fatto un po’ il furbetto sapendo benissimo che stava andando oltre le righe. Sapeva che se avesse lasciato filare Vettel e se si fosse accodato alla SC sarebbe stato fregato e ha riaccelerato con cognizione di causa. Insomma : né diavolo né acqua santa.

      Safety Car : polemiche giustificate, ma… bisogna semplificare

      Sinceramente, al di là dello sfogo di rabbia –giustificata- da parte della Ferrari, non vedo cosa potrebbe fare ora la FIA per ridare il terzo posto ad Alonso. Al massimo potrebbe penalizzare più duramente (escludere) Hamilton. Ma sarebbe ‘giustizia’ ? Visto il contesto, non ne sono del tutto certo.

  2. Carlos Castellá ha detto:

    già… ma avrà qualquno que avrà le gialle, le rosse… e quello que tutti sapiamo que non avrà nesuna!

    Carlos from BCN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...