La doppietta dello… scandalo

Corsa di squadra alla Ferrari: Massa 'solidale' ha servito un assist perfetto ad Alonso. - Fotografia Mirco LAZZARI

La doppietta conquistata oggi dalla Ferrari è la miglior risposta allo scetticismo che aveva invaso molti tifosi all’indomani del GP di Gran Bretagna. L’ordine di arrivo imposto con un ordine di squadra dalla Ferrari (loro diranno di no, ma solo gli stupidi ci crederanno) è anche il più logico negli interessi della squadra per il Campionato. Sicuramente però quelle parole per radio, quello schiaffo morale inferto al suo pilota brasiliano un anno esattamente dopo il suo incidente in Ungheria peseranno sul futuro dei rapporti interni in seno alla Ferrari. Non per forza di cose in modo negativo, perché Massa ha mostrato d’esser tornato quello d’un anno fa (come la squadra gli ha detto nel giro di rientro: “Massa is back!”, ha gracchiato la radio di bordo del brasiliano) ha mostrato anche di sapersi piegare agli interessi della squadra rinunciando a quello che più di tutto conta per un pilota: la vittoria.

Da un punto di vista etico e sportivo, quello che abbiamo visto oggi è stato uno scandalo. Ed anche un’arma a doppio taglio, perché dopo aver tanto criticato gli atteggiamenti della FIA, la Ferrari si espone così alla possibile collera federale, visto che nessuno berrà la favola della maggiore velocità di Alonso raccontata da Domenicali a fine gara. Oltretutto questa vicenda si aggiunge al fatto che la Ferrari, come la Red Bull Racing, è già sotto osservazione per la flessibilità degli alettoni anteriori.

Il Direttore della Ges ha, comunque, oggi semplicemente svolto la parte più ingrata del suo ruolo di boss, mettendo mano al risultato finale della corsa. Di certo, ci sono momenti in cui è meglio intervenire per evitare di sprecare punti per strada, ma anche d’arrivare alle situazioni a rischio cui possono portare attegiamenti troppo libertari nei confronti dei propri piloti. Vedi lo scontro Vettel/Webber vissuto dalla Red Bull Racing in Turchia. Di certo, mi sarebbe piaciuto non dover vedere questo genere di situazioni, di certo mi sarebbe piaciuto veder Massa vincere una gara dominata un anno dopo il suo incidente di Budapest. Di certo mi sarebbe, anche, piaciuto veder Alonso superare regolarmente il compagno di squadra con un bella manovra, pulita, senza aiuti radio…

Di certo, sono un ingenuo sognatore. Lo sport invece è, spesso, una cosa diversa dal libro Cuore.

Ora, comunque comincia la seconda parte del Gran Premio per Stefano Domenicali, quella più difficile in cui dovrà sapersi spiegare a… sei occhi coi suoi piloti, per mantenere il sereno in squadra.

Visto lo sguardo deluso, un po’ rassegnato, ma non colleroso di Felipe sul podio, credo che ci riuscirà. Se così sarà, per la Ferrari ed i suoi piloti sarà una grande prova di maturità e forza di squadra. Se così non sarà, la situazione potrebbe degenerare a gioco lungo. Prima risposta tra sette giorni in Ungheria.

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Piloti, Politica, Squadre. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...