TF1 annuncia: Montezemolo lascia

Luca Cordero di Montezemolo - Fotografia Mirco LAZZARI

I francesi hanno osato. Commentando il controverso scambio di posizioni tra i due piloti della Ferrari, durante la telecronaca del GP di Germania, la rete francese TF1 ha sparato una vera e propria ‘bomba’. Riprendendo in parte quanto scritto nei giorni scorsi da “Il Fatto”,  l’esperto telecronista francese Jean-Louis Moncet ha annunciato che la situazione creata dall’ordine di squadra ad Hockenheim potrebbe ulteriormente complicare nei prossimi giorni la vita interna della Scuderia Ferrari, perché secondo lui a Maranello “…si sta già preparando una vera rivoluzione visto che Luca Cordero di Montezemolo si appresta a lasciare la presidenza della Ferrari. Con ogni probabilità per dedicarsi alla politica”.

Simili voci, in vero, hanno alimentato le discussioni negli scorsi giorni nel paddock di Hockenheim, commentate con scetticismo dagli uni e con convinzione dagli altri. Personalmente preferisco evitare di sbilanciarmi nel valutare la realtà o meno di una situazione che si decide a livelli troppo alti per poter essere scrutati per intero ed in modo chiaramente intelleggibile dal basso. Il rischio di svista è sempre elevato, così come lo è, naturalmente, la curiosità. Vedremo nei prossimi giorni o nelle prossime settimane dove stia la verità.

Di certo so solo che Jean-Louis Moncet è un collega troppo attento ed esperto per sbilanciarsi in tal mondo senza avere in mano -come di dice in gergo- ‘qualche biscottino’. E’ anche nota, del resto, la sua grande amicizia, che definirei pluri-decennale, con Jean Todt, che pur essendo oggi a Parigi a capo della FIA ha sicuramente mantenuto contatti di prima mano con la vita interna della squadra di Maranello. Forse la sicurezza espressa al microfono, davanti a milioni di telespettatori, da Moncet è frutto di una confidenza?

Montezemolo, che è nato a Bologna il 31 agosto 1947, è Presidente della Ferrari dal 1991 ed ha, in tale posizione, riportato la marca ai massimi livelli ed alla vittoria che mancava da troppi anni. Lo ha fatto senza mezzi termini, vincendo di tutto e di più, grazie anche a Michael Schumacher e Jean Todt, conquistando un titolo mondiale anche con Kimi Raikkonen e Stefano Domenicali. Ha già lasciato la presidenza della FIAT lo scorso 20 aprile ed effettivamente non ha nascosto negli ultimi tempi un grande interesse per la politica. Vedremo cosa deciderà effettivamente di fare, ma sono sicuro che, comunque, se dovesse decidere di dare una nuova svolta alla propria carriera lo renderà pubblico entro il prossimo GP d’Italia a Monza, a settembre. Di certo, qualsiasi siano le sue eventuali nuove ambizioni, lasciare Maranello non potrebbe esser per lui una scelta facile da prendere.

Intanto, nel paddock s’è già scatenato -tra coloro che sono persuasi che si prospetta un clamoroso avvicendamento al potere- il toto-scommesse sul nome del possibile futuro Presidente.  Il più gettonato è quello di Andrea Agnelli, erede della famiglia cui fa capo il Gruppo FIAt ed oggi già Presidente della Juventus. Due cariche che sembrano difficilmente compatibili, a meno di delegare qualcosa. Andrea Agnelli conosce comunque la materia F1 avendo un’esperienza diretta con la Scuderia di Maranello, visto che ha già lavorato per un paio di stagioni al seguito della Rossa, in seno al dipartimento comunicazione e marketing dello sponsor Philip Morris. C’è, poi, chi fa il nome di Piero Ferrari, figlio del fondatore Enzo Ferrari, oggi amministratore delegato della marca di cui è anche comproprietario (10%). Ovviamente, c’è anche chi ipotizza un clamoroso sbarco di Flavio Braitore, che è stato recentemente visto a Maranello. Troppo poco a mio avviso ed una tale soluzione mi pare decisamente improbabile, anche se in F1 è sempre meglio fare come James Bond e… “mai dire mai”.

Prima di correre con la fantasia, credo sia in ogni caso meglio aspettare di vedere cosa intende realmente fare Luca Cordero di Montezemolo.

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in F1 key people, Politica, Squadre. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...