Ecco le ali della discordia: la messa in piega

Dall'alto in basso: Ferrari F10, McLaren MP4/25 e Red Bull Racing RB6 a confronto - Fotografie Darren Heath

Nuova gara, nuovo tema… Se n’è già ampiamente parlato nel paddock di Hockenheim, ma la vicenda ordini di squadra della domenica sera ha, poi, ovviamente occultato e fatto passare in secondo piano la controversia legata alle ali anteriori della Red Bull Racing RB6 e della Ferrari F10, che secondo altre squadre ed in particolare la McLaren sono troppo flessibili.

Le immagini proposte qui a fianco tendono a confermare i dubbi della scuderia di Woking, ma in fatto di ali flessibili si sa ormai da tempo che c’è spesso ampio spazio per disquisire e che alla fine conta una sola cosa: il fatto che le ali superino i controlli imposti dalla FIA.

Come quasi sempre accade, anche questa volta Red Bull Racing e Ferrari li hanno superati quindi le loro ali sono da considerare del tutto legali e conformi, almeno alla lettera del regolamento, anche se ovviamente non al suo spirito.

S’è però già capito da tempo che i tecnici della F1 non sono uomini di spirito, e che per loro conta solo la sostanza. Lo sanno anche alla McLaren che, ovviamente, pur facendo presenta ai verificatori della FIA i dubbi in merito alle soluzioni altrui aveva messo in cantiere la realizzazione di soluzioni simili che saranno, forse, già a disposizione delle Mp4/25 già in Ungheria…

Come si vede dalle immagini, le ali della RB6 e della F10 s’incurvano sensibilmente ai bordi verso l’asfalto formando come una minigonna laterale, senza rispettare l’altezza minima dal suolo prevista dal regolamento tecnico.

Sono pronto a scommettere che giovedì all’Hungaroring non si parlerà d’altro.

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Squadre, Tecnica. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Ecco le ali della discordia: la messa in piega

  1. Enzo ha detto:

    ma questa “flessibilità” non può essere pericolosa…? Mi sembra un movimento troppo poco naturale….
    Per caso a Silverstone, Vettel ruppe l’ala nelle libere per questo motivo (almeno ufficiosamente)?

    • Alexgpl ha detto:

      Il movimento è naturale, è quello di un’asta caricata e ben calcolata per essere rigida fino alla sollecitazione imposta dai test della federazione e flessibile “il giusto” ad alte velocità (alti carichi verticali).
      Mi pareva di aver sentito che Vettel aveva rotto il musetto per una distrazione di un meccanico che non lo aveva fissato bene (ma forse era come dicevi tu la scusa ufficiale…).

  2. Alexgpl ha detto:

    Newey è molto spesso moolto avanti. Da tempo ormai per provare ad avvicinarlo tentano quasi solamente ad imitare le sue idee!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...