HRT: Yamamoto e Senna anche in Ungheria

Humour spagnolo... Tra Sakon Yamamoto e Bruno Senna, Karun Chandok sembra proprio il meno felice. Per forza di cose! - Fotografia RVPress

Sakon Yamamoto e Bruno Senna… Dovrebbe arrivare ad ore il comunicato stampa della HRT per confermare anche per il GP d’Ungheria la stessa formazione di piloti che ha corso ad Hockenheim.

In ogni caso, posso già certificarvi che la squadra di Murcia ha deciso di prendere gli stessi e ricominciare. La situazione di Karun Chandok verrà, quindi, riesaminata più tardi, in vista di Spa. La squadra ed il pilota indiano avranno tutto il tempo per eventualmente trovare un aggiustamento -e magari appianare anche i conti economici in sospeso- perché dopo la gara magiara interverrà la famosa pausa estiva. In quel mentre il regolamento prevede che entri in vigore anche la chiusura forzata delle sedi delle squadre, e quindi di ogni forma d’attività, anche sportivo-commerciale, ma sono convinto che volendo quattro amici possono sempre trovarsi casualmente al bar per discutere di certi dettagli…

Bruno Senna ha fatto chiaramente capire, ad Hockenheim, quello che vi avevo già detto (scritto) in precedenza : e cioé che anche la sua permanenza non è garantita, ininterrottamente, fino a fine stagione visto che, contando anche l’altro collaudatore Christian Klien, la HRT dispone di quattro piloti ed intende dare opportunità di gareggiare a tutti, anche per non lasciarsi sfugguire l’opportunità d’incassare da tutti gli accordi di sponsorizzazione eventualmente legati alla titolarizzazione occasionale di un collaudatore.

La Toyota TF110 resterà una F1 che non ha mai corso

Nel frattempo, proseguono le discussioni tra HRT e Toyota per trovare un accordo di collaborazione per il futuro. Si parla di un possibile accordo per due anni e mezzo (cioé comprese le stagioni 2011 e 2012) e per un ammontare globale di  30 milioni di euro (5 miioni subito + 10 a stagione?) di collaborazione ingegneristica e messa a disposizione di parte delle infrastrutture di Colonia, galleria del vento compresa. Di certo, c’è che è stata esclusa dalle trattative la possibilità di utilizzare già nelle rimanenti gare di quest’anno la Toyota  TF110 che resterà quindi una monoposto che non avrà mai corso. La vettura di Colonia dovrebbe, piuttosto, servire da base di sviluppo per la HRT della prossima stagione, adattandola alle nuove regole ed a grandi novità come le gomme Pirelli, il ritorno del KERS e la possibile apparizione di un’ala posteriore mobile. Non è ancora chiaro se, una volta chiuso l’accordo, la collaborazione tecnica HRT-Toyota prevederà l’uso di un motore Cosworth o di un ex-propulsore Toyota ribattezzato diversamente. Per ora, è prevista anche la conferma del DT della HRT, Geoff Willis.

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Squadre. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...