Force India, forza distratta

Paul di Resta - Fotografia RVPress

Non so cosa bevano o cosa fumino alla Force India, ma dev’essere roba buona…

Oppure i pochi giorni probabilmente trascorsi a Budapest da parte del personale tra l’indomani del GP di Germania e l’inizio delle prove di quello ungherese sono stati l’occasione per far festa di cui non sono ancora stati smaltiti tutti gli effetti. Fatto sta che dopo che domenica scorsa la squadra di Silverstone aveva già ‘brillato’ scambiando le gomme dei suoi due piloti, oggi nella prima giornata di prove libere i meccanici della Force India hanno di nuovo preso lucciole per lanterne montando a Paul di Resta gomme che non facevano parte della sua dotazione. Risultato: 5000 euro di multa per non aver rispettato l’articolo 25.4 del Regolamento sportivo della F1.

A Budapest e dintorni non mancano fonti di distrazione possibili. Qualcuno alla Force India ne ha abusato?

Se fossi il direttore sportivo od il team manager della scuderia, avrei un attacco di collera. Giustificata credo. Perché se sbagliare è umano, perseverare -e per giunta immediatamente- è diabolico. Tanto che mi vien persino da chiedermi se sotto queste manifestazioni confusionali non ci siano vere ragioni di fondo, magari un malumore più profondo da parte di qualche membro del personale. Mi chiedo, in sostanza, se siamo di fronte solo ad errori e non ad un sabotaggio. Non ne so nulla in merito ed esprimo solo un dubbio, ma se fossi a capo della squadra indagherei anche in tal senso, talmente enorme ed inverosimile mi pare tale distrazione.

Ricordo che ad Hockenheim la Force India venne penalizzata perché i suoi meccanici nella concitazione del momento (e questo si può capire e quindi parzialmente giustificare) si sbagliarono nel montare tanto a Liuzzi quanto a Sutil -fermatisi entrambi ai box al termine del primo giro di gara- gli pneumatici in realtà destinati all’altro.

Questa volta, però, è difficile capire ed ancor meno giustificare l’errore. La sola cosa positiva per i piloti è che la distrazione non è avvenuta in gara, e quindi non ha ripercussioni sul risultato. Per ora, al di là del relativo male al portafoglio, anche in squadra possono ancora riderne… ma solo fino ad un certo punto.

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Costume, Squadre. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...