Renault: Boullier critica Alonso, esalta Kubica e ‘conferma’ Petrov

Vitaly Petrov - Fotografia RVPress

Arriva anche l’ultima conferma quindi. Quella relativa al posto di Vitaly Petrov, ovvero l’ultimo tra i tanti sedili delle cinque squadre di punta che ancora non erano saldamente fissi per la prossima stagione. Anche se per il momento non c’è ancora il classico comunicato stampa d’ufficializzazione,  si può, però, considerare che anche il pilota russo resterà al suo posto l’anno venturo. Questo nonostante non abbia sempre convinto tutti in seno alla Renault, ma dopo la sua bella prestazione in tutto il fine settimana del GP d’Ungheria, è sceso in campo lo stesso Capo squadra della scuderia di Enstone, Eric Bouiller, per praticamente ‘confermare’ Petrov.

“Non si prende la decisione di confermare o meno un pilota in base al solo risultato di una gara -sostiene Boullier- ma se Vitaly comincia a brillare così, come ha mostrato all’Hungaroring, e si mette a conquistare anche ulteriori punti, cementerà molto rapidamente il suo futuro. Credo che sia sempre più veloce e vicino alle prestazioni dei migliori ed ha cominciato ad avere la necessaria fiducia. Sa di poter accedere alla Q3 e di poter competere in gara. Sta imparando, ad esempio, quando spingere, o quando superare qualcuno nel corso delle soste. Sta crescendo, non c’è dubbio”.

Lo stesso Boullier ha anche espresso una critica nei confronti di Alonso e della precedente gestione ‘Briatore’ della Renault. “Penso che ci sia stato, in precedenza, qualche lacuna nel management, e la squadra ha sentito la mancanza di una chiara guida e di chiari obbiettivi. Difficile dire esattamente qual’è stato il problema, perché non voglio criticare nessuno in particolare, ma indubbiamente c’era un problema sul fronte piloti con Alonso tornato alla Renault, dopo la vicenda McLaren, e già indirizzato ad andare ad accordarsi con la Ferrari. Un pilota è un elemento chiave e determinante in una squadra e se il pilota non è motivato, se non spinge abbastanza, se non stimola la squadra… perché è già mentalmente in partenza… (sottinteso: non può funzionare).

Per me questi sono gli aspetti decisivi e queste sono i plus che apporta Robert Kubica. Lui ha portato molta freschezza e dimostrato enorme motivazione. La precedente scarsità di risultati aveva abbattutto il morale della squadra. Non avere risultati aveva demotivato molto i membri della scuderia, che sono molto devoti ad essa. Non avere gestione manageriale, non avere nessuna guida ed essendo in mano a piloti con cui non era facile lavorare, molto arroganti o che non spingevano la squadra nelle giuste direzioni era stato penalizzante. Queste sono  chiaramente state le due principali ragioni per cui la Renault non rendeva più al suo giusto valore”.

Beh, Boullier non è uno che parli molto, ma quando lo fa non da solo aria alla bocca come altri nel paddock!

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in F1 key people, Piloti, Squadre. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...