La Ferrari adotta uno sviluppo ‘calibrato’

Stefano Domenicali - Fotografia Mirco LAZZARI

Avanti tutta a testa bassa sì, ma con moderazione.

La Ferrari continuerà lo sviluppo costante della F10 finché dureranno le condizioni per farlo, cioé finché rimarranno serie e grandi le possibilità di farcela per la conquista del titolo o meglio dei titoli mondiali.

A confermare quello che alla luce dei fatti è semplicemente logico, è stato proprio Stefano Domenicali nel corso della conferenza stampa FIA a Singapore. “Beh, indubbiamente continueremo a sviluppare a fondo la nostra vettura per i prossimi due Gran Premi” ha precisato il Direttore della Gestione Sportiva della Ferrari. “…e poi, vedremo quale sarà la situazione momentanea prima degli ultimi GP perché ovviamente dobbiamo anche restare concentrati sul progetto della macchina del prossimo anno. Le risorse sono limitate, per cui più tempo passa e più dovremo spostare il centro d’interesse e muovere personale oggi dedicato allo sviluppo della vettura di quest’anno, affinché si dedichi a tempo pieno al progetto per la stagione ventura. Ad ogni gara, quindi, dovremo valutare con attenzione il nostro potenziale di successo, capire quello cui possiamo obbiettivamente ambire per decidere quando sarà il momento di dedicarci completamente al progetto per il prossimo anno dedicandovi tutte le nostre risorse”.

Un discorso logico, ma che lascia anche capire come tale decisione sarà basata sulla valutazione fredda ed analitica delle possibilità di successo e non solo sulla matematica. In altre parole, se anche matematicamente dovesse restare aperta la possibilità di farcela ma, ad un certo punto, la situazione dovesse sembrare comunque troppo compromessa, la Ferrari potrebba anche decidere di tirare un po’ i remi in barca per quanto concerne il 2010 per cercare di acquisire un po’ di vantaggio in termini di tempi di studio e quindi di possibili ‘trovate’ geniali sul progetto 2011.

Beh, speriamo che non si debba mai arrivare a tanto e che le possibilità restino grandi fino alla fine. Adrian Newey ce la sta mettendo tutta per sbattere la porta in faccia alle due rivali (Ferrari e McLaren) ben prima d’arrivare ad Abu Dhabi, ma un finale a tre squadre e cinque piloti in lizza sarebbe da sogno per tutti, al di là delle passioni, delle simpatie od anche del tifo di ognuno. No?

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in F1 key people, Squadre. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...