La Porsche fa l’occhiolino alla F1

La F1 è come la vita: bella perché è varia e perché non si ferma mai…

Ricordate? Un anno fa di questi tempi ci si disperava o quasi per le ennesime uscite di scena di grandi marchi: dodici mesi dopo la Honda anche BMW e Toyota avevano, infatti, deciso di salutare la compagnia, la Bridegstone aveva preannunciato il ritiro alla fine di questa stagione e la Renault era uscita senza uscire del tutto, cedendo però la squadra. Ma non c’è nulla da fare, al di la dei timori momentanei ed anche di certe reazioni a volte eccessive e persino uterine da parte di certi consigli d’amministrazione, la F1 e le corse in genere sono legate al doppio filo alle case e se alcune se ne escono (provvisoriamente) altre entreranno prima o poi. E’ la legge dei cicli.

Dopo tante mezze voci in merito, ieri al Salone dell’auto di Parigi è stato lo stesso presidente della Porsche, Mathias Mueller, ad annunciare che la sua azienda -nota anche come “l’altra” casa di Stoccarda ed anche come “l’altro” Cavallino, anzi cavallina- sta seriamente valutando l’eventualità di ritornare in F1. Sarebbe clamoroso perché quello della Porsche è un marchio di grandissimo prestigio che darebbe da solo un lustro alla serie superiore a quello di tanti marchi generalisti riuniti. Vedere di nuovo Porsche e Ferrari lottare al vertice sarebbe come vivere un film, sarebbe il sogno di Ecclestone e di tutti gli appassionati.

Non solo… Mueller ha parlato a nome di Porsche, ma anche di Audi e Volkswagen ed ha indicato come il gruppo tedesco intenda competere con almeno un marchio nel Campionato Sport, dove l’Audi è presente con successo da anni con le sue LMP1, mentre un altro marchio dovrebbe entrare in lizza nel mondiale F1. “Oggi -ha detto Mueller al sito del settimanale britannico Autosport- siamo presenti nel mondiale sport in due classi con due marchi (la Porsche è presente con una LMP2 per scuderie private. Ndr) ma non intendiamo competere con tutti e due in LMP! perché non sarebbe divertente lottare tra di noi. Stiamo allora riflettendo e discutendo se non avrebbe più senso che un marchio resti nel Campionato Sport in LMP1 e l’altro corra invece in F1. Stiamo soppesando pro e contro”.

E’ quindi presto per speculare in merito al come, quando ed in che forma, visto che lo stesso presidente della marca ammette che sono ancora fermi allo stadio della valutazione interna del progetto, ma è chiaro che se Mueller ne parla pubblicamente si può dar per scontata la decisione di entrare in F1. I dubbi possono restare sulla scelta del marchio (Porsche sembra il più logico, ma non vanno esclusi neppure Audi e VW) sul ruolo (è più probabile quello di semplice motorista, però nulla è mai detto…) e sulla data. Questa sembra per certi versi più evidente, visto che dal 2013 cambieranno radicalmente le regole per i motori, quella scadenza è attualmente la più gettonata nei pronostici in merito. 

Annunci

Informazioni su Paolo Bombara

Il mio primo GP? Nel 1982. Negli ultimi 19 anni, ho assistito ad oltre 350 GP come inviato speciale per diverse testate. Una vita in F1 !
Questa voce è stata pubblicata in Politica, Squadre. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La Porsche fa l’occhiolino alla F1

  1. Pingback: La Porsche fa l'occhiolino alla F1 | F1 Online – La Formula 1 …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...